Home Ambiente

    Ambiente

    Il servizio offre consulenza nel campo ambientale e si propone come uno strumento a disposizione dell’imprenditore per rimanere aggiornato nei confronti di una materia complessa ed in continua evoluzione.

    Le due principali aree tematiche del servizio ambiente sono legate alla gestione di rifiuti (D.Lgs 152/2006) e agli adeguamenti in materia di H.A.C.C.P. (Pacchetto Igiene).

    Il servizio si occupa di:

    • Redazione manuali di autocontrollo (Manuale H.A.C.C.P.);
    • Redazione piani di campionamento annuali o pluriannuali;
    • Effettuazione di prelievi alimentari e non finalizzati ad indagini microbiologiche, biologiche o chimiche in materia di qualità e igiene alimentare;
    • Assistenza tecnica apertura nuovo locale;
    • Assistenza all’impresa nel caso di ispezioni effettuate da parte di organi di vigilanza o di ispettori di qualità;
    • Docenze per enti di formazione in materia di H.A.C.C.P.;
    • Redazione modulistica per adeguati di vario genere;
    • Richiesta per autorizzazioni emissioni in atmosfera, scarico delle acque
    • Denunce e registri di carico e scarico per la gestione dei rifiuti.

    Articoli Correlati

    BANDO ISI 2015: DALL’INAIL OLTRE 276 MILIONI DI EURO ALLE IMPRESE...

    Dal 1° marzo al 5 maggio 2016 le imprese potranno inserire sul portale dell’INAIL le domande di finanziamento per accedere ai contributi a fondo...

    ULTIME NOVITÀ DAL SETTORE AMBIENTE & SICUREZZA – GIUGNO 2015

    Riportiamo nella circolare che segue le ultime novità dal settore Sicurezza e Ambiente in riferimento a:

    • recepimento dei regolamenti europei in tema di nuova classificazione dei rifiuti
    • nuova classificazione delle sostanze pericolose (CLP)
    • nuovi reati ambientali

    SISTRI – DIFFERIMENTO DI OPERATIVITA’ E DI SANZIONI (MA QUESTE ULTIME...

    Si informa che l'articolo 9, comma 3, del decreto legge n. 192/2014, "Mille-proroghe", emanato dal Governo alla fine del mese di Dicembre 2014 (Gazzetta Ufficiale n. 302 del 31/12/2014) ha formalmente differito l'operatività del Sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI, che sarebbe dovuto entrare in vigore il 1° gennaio scorso, al 1° gennaio 2016.
    Tale proroga, fortemente voluta dalla Confederazione, è stata accompagnata, inoltre, dal differimento dell'apparato sanzionatorio che è tuttavia avvenuta, in via del tutto anomala, in due tempi.

    In sostanza, le sanzioni concernenti la mancata iscrizione ed il mancato pagamento del contributo annuale per i soggetti tenuti secondo la vigente normativa ad usare il SISTRI (vedere articolo 260-bis, commi 1 e 2, del TUA) entreranno in vigore il prossimo 1° febbraio 2015.

    POS SEMPLIFICATO, INTRODOTTI I NUOVI MODELLI DAL D.I. 09/09/2014

    Il 27 settembre 2014 è entrato in vigore il Decreto interministeriale 09/09/2014 (Ministeri del Lavoro della Salute e delle Infrastrutture) e di seguito meglio analizzato.

    In particolare è stata approvata una modulistica “semplificata” inerente al Titolo IV del Testo Unico Sicurezza (D.L. n.81/08 e smi) e del Codice degli appalti pubblici (D.L. n.163/06 e smi).

    CONFARTIGIANATO SERVIZI SRL

    Confartigianato Servizi srl è la società di servizi della Confartigianato Imprese di AP-FM, in grado di rispondere alle esigenze delle PMI (alcuni servizi hanno...

    Decreto di esclusione dal SISTRI per le imprese sino a 10...

    Il 25 aprile 2014 è entrato in vigore il decreto ministeriale che opera, fra l'altro, la riduzione della platea degli operatori obbligati ad utilizzare il Sistema SISTRI alle imprese produttrici di rifiuti pericolosi con oltre 10 dipendenti.
    Nessuna modifica è stata introdotta per quello che attiene, invece, alle imprese di trasporto di pericolosi, tenute ad utilizzare il SISTRI a prescindere dalla propria dimensione. Il termine per pagare il contributo 2014, per chi vi è obbligato, infine, viene fissato dal decreto al 30 giugno 2014.

    Confartigianato Imprese Macerata – Ascoli Piceno – Fermo