Home Notizie Emissioni in atmosfera, nuovi obblighi per stabilimenti e installazioni

Emissioni in atmosfera, nuovi obblighi per stabilimenti e installazioni

40
emissioni in atmosfera

In relazione agli stabilimenti/installazioni soggetti ad A.I.A. (Autorizzazione Integrata Ambientale), A.U.A. (Autorizzazione Unica Ambientale) e autorizzazione alle emissioni in atmosfera che utilizzano nel proprio ciclo produttivo

  • sostanze classificate come cancerogene o tossiche per la riproduzione o mutagene aventi classi di pericolo H340, H350 o H360 (CLP – Reg. 1272/2008)
  • sostanze di tossicità e cumulabilità particolarmente elevate e sostanze classificate estremamente preoccupanti (SVHC) secondo il REACH (Reg. CE 1907/2006)

si comunica che tali sostanze devono essere sostituite non appena tecnicamente ed economicamente possibile.

Inoltre è fatto obbligo di redigere ed inviare all’Autorità Competente una relazione con la quale si analizza la disponibilità di alternative, se ne considerano i rischi e si esamina la fattibilità tecnica ed economica della sostituzione delle predette sostanze, per stabilimenti/installazioni esistenti, entro il 28/08/2021.

Nei casi di aziende operanti in virtù delle autorizzazioni generali (art. 272 del D.Lgs. 152/2006), non è più possibile avvalersi di tali autorizzazioni nei casi in cui siano utilizzate, nei cicli produttivi da cui originanti le emissioni, le sostanze o le miscele sopra richiamate.

In questi casi, laddove tali sostanze non possono essere sostituite, le aziende devono presentare la richiesta di rilascio dell’A.U.A. entro il 28/08/2023.

Si ricorda che, in caso di omessa presentazione della relazione o di adeguamento delle autorizzazioni generali, si applica la sanzione prevista da € 500,00 a € 2.500,00.

Si invita pertanto tutti gli associati a dare corso a quanto prescritto.

Per informazioni ed aggiornamenti
Servizio Ambiente 0733 3661 – [email protected]

Confartigianato Imprese Macerata – Ascoli Piceno – Fermo