Home Notizie Credito: Confartigianato e Cna incontrano Carifermo e Confidi Uni.Co.

Credito: Confartigianato e Cna incontrano Carifermo e Confidi Uni.Co.

8
Incontro Carifermo 15luglio2022

Il ruolo della Banca del territorio e del Confidi a sostegno delle Pmi: questo il titolo del partecipato convegno organizzato da Confartigianato Imprese Macerata-Ascoli Piceno-Fermo e Cna Fermo, insieme a Carifermo e Uni.Co., che si è tenuto nei giorni scorsi all’Hotel Horizon di Montegranaro per ragionare sulla situazione del credito nel Fermano e, più in generale, nelle Marche.

Giorgio Menichelli, Segretario Generale Confartigianato Imprese Macerata-Ascoli Piceno-Fermo ha introdotto alcuni temi centrali, partendo dall’accompagnamento delle imprese a tutta la finanza agevolata legata al PNRR, soprattutto con il Fondo complementare Sisma.

Al riguardo, ci sono undici ordinanze che stanno uscendo a partire da fine luglio – ha spiegato Menichelli -: stiamo parlando di 700 milioni di euro complessivi, di cui 300 milioni destinati alle tre province marchigiane del cratere.

Una cifra importante, che necessita del sostegno del sistema bancario e del Confidi per non sterilizzarne le potenzialità”. Menichelli ha anche fatto il punto sull’importanza della sostenibilità aziendale, vista come “variante positiva nell’affidabilità per generare nuovi investimenti” e ha suggerito alle imprese “di aumentare la propria patrimonializzazione in tale direzione”.

Alessandro Migliore, Direttore generale Cna Fermo, ha portato sul tavolo della discussione alcuni dati, ricordando come nel primo trimestre 2022 la bilancia tra iscrizioni e cessazioni di aziende nelle Marche segni un -715.

La fase di stallo – ha detto Migliore – si vede dai numeri. Se parliamo di settori in sofferenza, notiamo poi che quest’anno alla moda va ad aggiungersi l’agroalimentare. Manca il fermento di un tempo, quindi va incoraggiata e semplificata la creazione d’impresa”.

Migliore ha poi riflettuto sull’export, con dati “sicuramente positivi nel primo semestre 2022 anche per calzature (+19%) e pelletteria (+34), ma su Russia e Ucraina abbiamo crolli del -52%. Bene il Bando per il riordinamento dei mercati, già operativo, ma questo da solo non basta, perché alla guerra si sono andati ad aggiungere i problemi legati ai costi energetici, alle materie prime e al timore di una ripresa del Covid”.

L’intervento del direttore di Uni.Co, Palo Mariani

Paolo Mariani, direttore Confidi Uni.Co. è quindi entrato nel dettaglio del convegno. “Uni.Co. è il più grande Confidi italiano da Pesaro a Palermo, con 63mila imprese socie – ha detto.

Le Marche, da un punto di vista finanziario, hanno perso però tanto negli ultimi anni: Carifermo è una ricchezza insieme a poche altre realtà, perché la territorialità, se intesa bene, è qualcosa che fa la differenza. Con gli amici di Carifermo abbiamo eseguito in 4 anni ben 1.355 operazioni, lavorando quindi nell’interesse delle imprese.

La nostra capacità di essere capillari e di avere una centrale rischi diversa cooperando con le Associazioni di categoria – ha continuato Mariani -, ci permette di avere quel numero di informazioni utili a far buttare alla banca il cuore oltre l’ostacolo. Con un istituto di territorio questo passaggio è sicuramente più agevole”.

In conclusione del suo intervento, Mariani ha suggerito alla Regione Marche unasburocratizzazione delle operazioni per non snaturare il lavoro che si sta facendo: bisogna essere rapidi ed efficienti, perché i tempi delle imprese sono diversi da quelli delle istituzioni. Altrimenti si corre il rischio di perdere ricchezza lungo la strada”.

La nostra banca ha una sua storicità – le parole di Ermanno Traini, Direttore generale Carifermo -, essendo stata fondata nel 1856 e fa del rapporto di prossimità una missione. Il Piano strategico della Banca mette al centro le imprese e le famiglie del territorio, valorizzandole per accrescerne il valore.

È una strategia ben chiara. Certo, viviamo purtroppo una tempesta perfetta, ma il credito ha fatto la sua parte grazie ad un’azione di filiera. Oggi, come sempre, siamo al fianco delle imprese”.

L’incontro, che ha visto tra gli interventi anche quello di Gino Sabatini, Presidente Camera di Commercio delle Marche, si è concluso con le osservazioni di Andrea Putzu, Presidente della II Commissione consiliare permanente della Regione Marche.

Confartigianato Imprese Macerata – Ascoli Piceno – Fermo