Home Benessere Occhio ai furbi, la campagna nazionale di Confartigianato contro l’abusivismo

Occhio ai furbi, la campagna nazionale di Confartigianato contro l’abusivismo

68
Abusivismo Occhio ai furbi news

Confartigianato lancia la campagna nazionale Occhio ai furbi per sensibilizzare i consumatori sul fenomeno dell’abusivismo.

Sono ben 70.000 i lavoratori irregolari e gli operatori abusivi nelle Marche.

Un numero impressionante, per un’economia sommersa che minaccia il lavoro dei piccoli imprenditori e la sicurezza dei cittadini, diventando anche un freno per l’occupazione regolare.

A denunciare le cifre del fenomeno è uno studio di Confartigianato che lancia l’allarme sulla minaccia del sommerso per le attività dei piccoli imprenditori.

È un mondo parallelo, quello del sommerso, che rappresenta il 4,3% del valore aggiunto regionale, in cui non esistono regole e si producono danni ingenti alle imprese, alla sicurezza dei consumatori, alle casse dello Stato.

In tempo di crisi e incertezza, il fenomeno sta proliferando e i dati sono ancora più allarmanti.

La maggiore concentrazione di occupazione irregolare (il tasso di irregolarità è del 10,5%) nella nostra regione si annida nei servizi con 53.000 unità, segue il manifatturiero con 11.000, le costruzioni con 4.000 e 2.000 in agricoltura.

Nelle Marche, secondo le stime di Confartigianato, sono 23.600 gli abusivi che si fingono imprenditori.

Sono proprio le imprese artigiane ad essere maggiormente in pericolo. Soprattutto nei settori dell’edilizia, dell’acconciatura ed estetica, dell’autoriparazione, dell’impiantistica, della riparazione di beni personali e per la casa, del trasporto taxi, della cura del verde, della comunicazione, dei traslochi.

Per questo Confartigianato ha lanciato una campagna nazionale di informazione contro l’abusivismo, dal titolo Occhio ai furbi! Mettetevi solo in buone mani. Un modo per mettere in guardia i consumatori e informarli sulla situazione.

Dobbiamo lavorare tutti affinché questo fenomeno venga debellato, nell’interesse delle imprese che lavorano seriamente e dei consumatori – commenta il Presidente territoriale Enzo Mengoni.

La difficile situazione economica ha portato ad un proliferare di operatori improvvisati, che in questo modo minacciano la sicurezza dei consumatori, penalizzano le Casse dello Stato e cancellano con un colpo tutti i valori artigiani che da sempre contraddistinguono le nostre imprese.

È il momento di dire basta. L’appello è anche alle Autorità, affinché continuino a sostenerci con azioni di controllo, di repressione e di contrasto all’evasione fiscale e contributiva”.

Per numero di “occupati”, 3,2 milioni di irregolari, il sommerso è il terzo settore più numeroso dell’economia italiana, preceduto dai servizi, che contano 16,3 milioni di addetti, e dal manifatturiero 4 milioni di addetti.

Leggi i numeri chiave su sommerso e indipendenti irregolari 

Scarica il manifesto

Confartigianato Imprese Macerata – Ascoli Piceno – Fermo