Home Edilizia Edilizia, verso l’aggiornamento del Prezzario Regionale

Edilizia, verso l’aggiornamento del Prezzario Regionale

60

“I prezzi sono aumentati, ma la revisione adottata è ancora insufficiente”  

Entro il 30 giugno 2021 è prevista l’adozione dell’aggiornamento annuale del Prezzario ufficiale della Regione Marche in materia di lavori pubblici e di sicurezza e salute nei cantieri temporanei o mobili.

Il Prezzario è uno strumento essenziale per il settore, perché risolve ed individua il problema della definizione dei costi e dei prezzi del mercato del comparto costruzioni. Nel Prezzario viene infatti riportato il costo di ogni passaggio necessario ad eseguire la lavorazione in condizioni di sicurezza.

Ad inizio marzo è stata convocata la Commissione regionale deputata alla costituzione (al suo interno c’è un componente di nomina Confartigianato), la quale ha avviato le attività di revisione alla luce dell’aumento diffuso di molti prezzi dei prodotti dell’edilizia. In quella sede Confartigianato ha formalizzato la necessità di una rivalutazione maggiore di quella proposta.

“Si è creata una situazione di stallo che è insostenibile – spiega Giuliano Fratoni, Presidente del Direttivo Settore Edilizia -, abbiamo bisogno di una maggiore revisione del Prezziario. La crisi ci ha già penalizzati fin troppo: ora che vediamo all’orizzonte una ripartenza, ci troviamo ancora sospesi. Auspichiamo, quindi, un attento cambio di passo”. 

La nostra Associazione – entra nel merito della questione Stefano Foresi, Responsabile Settore Edilizia di Confartigianato Imprese Macerata, Ascoli Piceno, Fermo – ha infatti sottolineato il bisogno di apportare correttivi al rialzo ad un Prezzario che al momento non risponde alle reali necessità. Il mercato è influenzato dalla pandemia e al contempo il listino è stravolto da una serie di fattori. L’attuale documento, approvato con delibera di Giunta Regionale il 18 maggio 2020, non agevola il lavoro delle imprese, che hanno difficoltà a redigere preventivi puntuali ai fornitori. Confartigianato Macerata, Ascoli Piceno, Fermo, coordinandosi a livello regionale, ha inviato un questionario ad un campione significativo di aziende edili associate, portando poi in Commissione valutazioni per accertare le storture del testo”.

Come aggiunge Foresi, “la Commissione ha in parte accolto le nostre richieste, tanto che la bozza del nuovo Prezzario ha previsto un rialzo delle voci, ma in percentuali ancora non sufficienti rispetto ai reali aumenti di prezzi. A nostro avviso occorre agire con maggiore decisione e tempestività. Anche perché a fine anno dovrebbe essere rivisitato di nuovo il Prezzario stesso, quindi c’è ulteriore tempo per ristabilire una successiva fotografia dei prezzi. Eccezionali o meno, gli aumenti sono reali e sono un freno per le imprese, che non riescono a rientrare nell’oscillazione dei costi. Per questo Confartigianato si è espressa con voto contrario all’attuale revisione: confidiamo in nuove modifiche che vadano incontro alle  esigenze della categoria”.

 

Confartigianato Imprese Macerata – Ascoli Piceno – Fermo